Warning: file_get_contents(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/epigrama/domains/epigrama.eu/public_html/library/himeros/model/Language.php on line 27

Warning: file_get_contents(http://gag.cab.unipd.it/cervantes/public/res/risorse_it.properties): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /home/epigrama/domains/epigrama.eu/public_html/library/himeros/model/Language.php on line 27
Juan de Miranda, Osservationi della lingua castigliana - EPIGRAMA
Juan de Miranda, Osservationi della lingua castigliana



DEL NOME

 

Iª divisione del nome in particolare e generale

Il nome, che non è altro che una voce con che alcuna cosa si nomina(38), dividiremo primo in particolare e generale; particolare è quello ch'appartiene ad un solo, si come: Pedro, Martin, Alonso, Bartolome, Diego, Iuan, Gaspar, Gabriel, Gonçalo; della femina:Ana, Beatriz, Brigada, Barbara, Guiomar, Luzia, Ximena, Violante, Ysabel, Costança, Ynes, et altri simili, i quali si dicono nomi proprij; nome generale è quello che a molti si conviene, si come: hombre, muger, animal, et |22|altri simili.

2ª divisione in sonstantivo et aggetivo

Dividesì ancora il nome in sostantivo et aggettivo; sostantivo è quello che denota l'essere d'alcuna cosa per se medesimo, senza appoggio d'altro nome, come: amor, Hernando, libro, letra, tabla; aggettivo è quello che denota qualità d'alcuna cosa, che niente determinatamente significa senza appoggio d'altra cosa che lo dichiari e li dia l'essere, si come: bueno, malo, negro, blanco, a le quali qualità se non s'aggiugne o huomo, o altro animale, o cosa che sostanza dinote niente determinatamente, cioè che vero o falso sia, potranno significare.

3ª divisione

Dannosì ancora a i nomi due specie, principale et derivata; principale è quella che non procede da altra, si come: amor, dolor, ciudad, color; derivata è quella che vene dall'altra, si come: deamor, amoroso; de dolor, dolorido; de color, colorado; de ciudad, ciudadano.

4ª divisione

Hanno ancora tre figure: semplici, come obediente; composita, come desobediente; ricomposita, come desobediencia, et cosi: paciente, ympaciente, ympaciencia, prudente, ymprudente, ymprudencia, et altri. |23|

 

 

 

 

DEI GENERI DE I NOMI, ET IN CHE SI CONOSCONO

Capitolo VII

 

Generi quanti siano. Nome neutro quello che è

I generi quantunque appresso i toscani, secondo il parer di tutti i dotti, non sieno piu di due, del maschio e della femina, appresso però i castigliani sono tre, come quei de i latini: del maschio e della femina e neutro; è ben vero (come diremo poi) tutti i nomi neutri sono nomi aggetivi, che chiamano sostantivati, o come sostantivi, i quali, come havemo detto, si conoscono dall'articolo lo che ha seco. Et perche si tratterà piu particolarmente di esso quando diremo de i nomi aggettivi, per hora di questi non dirò altro.

Generi del maschio, da che si conoscono

Gli altri due generi del maschio e della femina si distingueranno da due cose, o dall'articolo che seco haveranno, come habbiamo detto, o dal nome aggetivo che gli sarà giunto, percioche sempre i nomi sostantivi vengono con l'articolo in tutti i casi, eccetto il vocativo, il quale, come havemo detto, vien segnato con l'avverbio o o la particella a; e quando il sostantivo non haverà articolo |24| haverà il sostantivo che gli sarà aggiunto; dal fine ancora, si potrà distinguere il genere, il che a suo luogo si dirà, quando si tratterà de fine di tutti i nomi.

Nomi della femina in castigliano che in toscano sono del maschio

Avvertirete ancora che quei nomi che in toscano sono del genere del maschio, per la piu parte in castigliano saranno del medesimo, e cosi quei della femina. Ho detto però per la piu parte, percioche si trovano alcuni i quali con tutto che in toscano siano del genere del maschio, in castigliano però si trovano della femina(39), i quali sono questi che seguono, e porrò l'articolo cosi a' castigliani come a toscani accioche si possa distinguere il genere.

Castigliani della feminaToscani del maschio
la comidail cibo
la chincheil cimice
la honrral'honore
la hojail foglio
la fuenteil fonte
la carrerail corso
la cornetail cornetto
la cuentail conto |25|
la cejail ciglio degli occhi
la fuelleil mantice
la alcarchiofa(40)il carciofo
la quexail lamento
la puenteil ponte
la agujal'ago
la risail riso
la tintalo inchiostro
la mantecail butiro(41)
la margenil margine
la congoxa o agonialo agone(42)
la finil fine
la ordenl'ordine
la desordenil disordine
la coloril colore
la costumbreil costume
la rodillail ginocchio
la posadalo alloggiamento
la mielil mele
la camail letto
la lecheil latte
la sangreil sangue
la floril fiore
la lumbreil lume
la señalil segno
la maril mare
la albardail basto(43) |26|
la mançanail pomo(44)
la pulgail pulice

Nomi del maschio castigliano che in toscano sono della femina

Trovansi ancora, come habbiamo detto, alcuni altri che in castigliano sono del genere del maschio e in toscano della femina, quali sono:

Castigliani del maschioToscani della femina
el muslola coscia
el tragadero o guarguero(45);la gola
el baçola milza, overo smilza
el frenola briglia
el braçadola brancata
el rociola brina
el rodeol'aggirata
el agrazl'agresta
el vallela valle
el papella carta
el dotela dote

Nomi comuni in ambidue le lingue

Comunemente però, come habbiamo detto, quei che saranno del maschio in castigliano, saranno ancora in toscano, e quei della femina, |27| parimente della femina, come per essempio si puo vedere:

 

Essempio di quei del maschio nell'una et l'altra lingua

CastiglianiToscani
el aradolo aratro
el bueyil bue
el cargoil carico
el diail dì
el enfermolo ammalato
el frayleil frate
el higoil fico
el melonil melone
el ojol'occhio
el quadroil quadro
el sayoil saglio(46)
el vezinoil vicino
el yernoil genero
el bovoil sciocco
el cestilloil cestello
el dañoil danno
el donil dono
el estadolo stato
el goviernoil governo
el jubonil giubbone
el ladronil ladro
el nidoil nido |28|
el panoil panno
el ratonil sorcio
el toroil toro
el xabonil sapone
el sapoil rospo
el zeroil zero ò nulla

Nomi della femina comuni

Essempio di quei della femina nell'una et la'altra lingua

CastiglianiToscani
la antiguedadla antichità
la ballestala balestra
la cestala cesta
la cuerdala corda
la dançala danza
la desdichala disdetta
la dichala detta
la edadla età
la famala fama
la feriala fiera
la fiestala festa
la guerrala guerra
la horal'hora
la justiciala giustitia
la licenciala licenza
la monedala moneta |29|
la necessidadla necessità
la oracionla oratione
la perezala pigritia
la quixadala massella
la razonla ragione
la renzillala quistione
la sentenciala sentenza
la tribulacionla tribulatione
la vanidadla vanità
la ximiala simia(47)
la zorrala volpe
la yeguala cavalla
la yunque(48)l'incudine

Et altri simili, dove si vede che, fuora trando quei pochi che notassimo, gli altri sono somiglianti nell'una et nell'altra lingua nel genere; ho messo tanti nomi per essempio accioche possano ancora servire alla copia delle parole(49), et cosi gli ho messi per alfabeto.

 

 

 

 

 

 

DEL FINE DI TUTTI NOMI ET DEL NUMERO LORO

Capitolo VIII

 

Il fine de nomi castigliani più ampio di toscani.
I nomi castigliani finiscono in vocale e in consonanti.
Nomi finiti in a del maschio e della femina

Percioche la finitione ò terminatione de i nomi castigliani e molto piu ampia che quella de i toscani(50), |30| trattaremo particolarmente e con divisione accioche piu facilmente possa essere intesa. Diremo adunque che tutti i nomi del numero del meno sostantivi o finiscono in vocali o in consonanti: in vocali sara in una di queste cinque: a, e, i, o, u, in consonanti sarà in una di queste: d, l, n, r, s, x, y, z, de i quali tutti daremo essempio, cosi per ordine delle vocali primo e poi di quei che finiscono in consonanti; quelli nomi adunque che finiscono in a per la piu parte sono del genere della femina, si come:

 

[Del fine in a]

CastiglianiToscani
la agugeta(51)la stringa
la ballesta(52)la ballestra
la capala cappa
la culpala colpa
la dichala ditta
la dotrinala dottrina
la esterala stuora(53)
la furiala furia
la faxala fassia(54)
la gloriala gloria
la gulala gola
la honrral'honore
la hastal'hasta |31|
la justiciala giustitia
la joyala gioia
la librala libra
la miseriala miseria
la nieblala nuvola
la ofrendal'oferta
la plaçala piazza
la querellail lamento
la rodillail ginocchio
la sentenciala sentenza
la tierrala terra
la vidala vita
la xergail cilitio(55)
la yeguala cavalla
la zorrala volpe

Alcuni altri si trovano del genere del maschio finiti in a, si come:

CastiglianiToscani
el poetail poeta
el profetail profeta
el diail dì
el hipocrital'hipocrita

Et altri simili, ma per la piu parte sono del genere della femina. |32|

 

Del fine in e

Nomi finiti in e del maschio, della femina

Di quei che finiscono in e, alcuni sono del genere del maschio e alcuni della femina, si come:

CastiglianiToscani
el azeytel'olio
el afeyteil belletto(56)
el deleyteil diletto
el padreil padre
el hombrel'huomo
el sastreil sartore(57)
la callela via
la llavela chiave
la navela nave
la madrela madre
la partela parte
la tardela sera

Et altri simili, dove si vede che i primi sono del maschio per l'articolo che lo dichiara, e gli altri della femina, per l'articolo la. |33|

 

In i

 

In i non trovo altro che maravedi, che è una certa moneta che vale un quattrino, e çaqueçami, cioè la soffitta; percioche i altri che finiscono in y si puo dir che finiscono piu tosto in consonante che in vocale, et di quella si dirà al suo luogo.

 

In o

Nomi in o, del genere del maschio

In o finiscono infiniti, e quasi tutti del genere del maschio, come quei in a della femina, come per essempio si vede:

CastiglianiToscani
el amoil patrone
el baçola smilza
el carroil carro
el dadoil dato
el feno(58)il fieno
el gatoil gatto
el higoil fico
el locoil matto
el moçoil servitore, over giovane
el naboil rapo |34|
el orol'oro
el pañoil panno
el quesoil formaggio
el rallola gratarolla
el sesoil cervello
el techoil tetto
el vasoil vaso
el ximio(59)la simia
el zorro.la volpe
CastiglianiToscani
el aroil cerchio
el besoil bascio(60)
el cestoil cesto
el dedoil dito
el hadoil fatto
el linoil lino
el maçola mazza
el niñoil putto(61)
el ojol'occhio
el perroil cane
el quajol'animela
el remoil remo
el sapola ranocchia
el toroil toro |35|
el vinoil vino
el yeloil giaccio
el zeroil zero o nulla

Mano, solo in o della femina

Et tutti come si vede sono del genere del maschio; della femina non trovo altro finito in o che questo nome mano, mano, che si dice la mano; questo nome quajo significa la animella o renella del capreto, il quale adoperano nel latte accioche si congeli, per far poi il formaggio.

 

In u

 

In u si trovano pochi che finiscono, come espiritu, e Jesu, signore e salvator nostro, et questo per la piu parte finisce in s, come Jesus, perche tutti gli altri che finiscono in u sono piu tosto d'altra lingua che della nostra, e questo mi basti intorno al fine delle vocali.

 

Della formatione del numero del piu in quei che finiscono in vocali

Del numero del più, e come si faccia in quei che finiscono in vocale

E perche, come s'ha detto, la finitione del numero del più procede da quella del numero del meno, trattaremo |36| quivi del fine del numero del più in questi che finiscono in vocale in quei del meno, percioche in quei che finiscono in consonanti la formatione è diversa; dico adunque che in tutti i nomi che finiranno in vocale alcuna, come a, e, i, o, u, fa il numero del più aggiungendoli un s all'ultima vocale, si come:

Del menoDel piu
el poetalos poetas
la culpalas culpas
el hombrelos hombres
la callelas calles
el maravedilos maravedis
el dedolos dedos
la manolas manos
el espiritulos espiritus

El cosi tutti gli altri; dove che si vede che chi saperà come finisca il retto nel numero del meno, saperà subbito(62) come finisce nel numero del più; e chi saperà questi due retti, verrà in cognitione d'ogni declinatione, percioche tutti gli altri casi sono somiglianti a questi due retti, quei del meno, al retto del meno, e quei del più, al retto del più; ma nientedimeno declinaremo alcuni doppo la finitione di tutti. |37|

 

DEL FINE DI QUEI CHE FINISCONO IN CONSONANTE

Cap[itolo] IX

 

Nomi che finiscono in consonanti e quali siano

Finiscono ancora, come habbiamo detto, i nomi in consonanti, i quali sono questi, d, l, n, r, s, x, y, z, et daremo essempio particolarmente cosi per ordine d'ogn'una con le vocali, e si segneranno con l'articolo, accioche si conoscano quelli del maschio et quelli della femina, et in questi essempi sarò un poco lungo percioche, come s'ha detto, saputa la finitione, si sà la declinatione di tutti; et poi diremo del numero del più in questi che finiscono in consonanti.

 

Essempio di quei che finiscono in d con quattro vocali

CastiglianiToscani
el abadl'abbate
la caridadla carità
la castidadla castità |38|
la verdadla verità
la ciudadla città
la paredil muro
la redla retia(63)
la sedla sete
la mercedla mercè
el adalidl'interprete, che serve da intender lingue
la lidla lite
la vidla vite
el laudil lauto
el ataudla cassa de i morti
la virtudla virtù
la yngratitudl'ingratitudine

In od, non si trova niun finito nella nostra lingua; quei che finiscono in ad e in ed sono per la più parte del genere della femina; quei che finiscono in id e ud sono alcuni della femina et alcuni del maschio come per l'essempio si vede. |39|

 

Del fine della l con le cinque vocali

Nomi finiti in al.
Nomi finiti in el.
Nomi finiti in il e in ol

CastiglianiToscani
el animall'animale
el generalil generale
la calla calcina
la salil sale
el batelil battello
el aranzell'aranzello, è una tavola dove si mettono l'ordinationi della citta nelle hosterie o luoghi publichi, pigliasi alcuna volta per il cartello con che si sfida qualcuno
la piella pelle
la mielil mele(64)
el badilla palleta di ferro che stà al foco, si chiama badile
el astilastil, si chiama il manico propriamente della zappa
el caracolla lumaca, overo buovolo(65) |40|
el solil sole
la colle verze ò caule(66)
el consulil console
lo azull'azurro

Quai di questi siano del maschio, e quai della femina

Di questi i nomi finiti in il e in ol, quasi tutti son del genere del maschio; percioche quei due nomi, varonil e juvenil, che in toscan sono varonile e giovenile, sono più tosto aggettivi, benche varonil s'atribuisce sempre alla donna che ha animo ò apparenza d'huomo come dir es una muger varonil, overo de animo varonil.

 

Del fine della n

Nomi finiti in n

CastiglianiToscani
el panil pane
el faysanil faggiano
la ordenl'ordine
el almazenl'adornamento(67)
el celeminlo staro(68)
el mastinil mastino
el blasonl'impresa
la ocasionl'occasione
la perdicionla rovina

|41|

CastiglianiToscani
el afanl'angoscia
el sacristanil sagrestano
la sartenla fresola(69)
el bayvenl'incontro
el bacinil bacino
el ruynil tristo(70)
el mesonl'hosteria
la razonla ragione
la pasionla passione

Nomi finiti in an, di che genere siano

Di questi i nomi finiti in an et in, rade volte si trovano del genere della femina; questo nome almazen in castigliano significa soverchio adornamento d'una cosa, come dir in castigliano gastar almazen vol dir spender troppe parole in una cosa; bayven vol dir quando un huomo scontra un'altro forte e lo muove in qua e in la, si che dir diole un bayven significa lo scontro forte; celemin è una misura di formento che ha tanto come un staro; el blason significa l'impresa che si porta, ò nello scudo dell'arme, o fuora in qualche altra parte. |42|

 

Del fine della r

Nomi finiti in r

el pesarl'increscimento(71)
la mugerla moglie
el martiril martire
el pastoril pastore
el plazeril piacere
el albañir(72)il muraro(73)
el doloril dolore
la floril fiore

Et per la più parte, i nomi finiti in or tutti sono nomi verbali, i quali servono da participij, come hazedor, comedor, bevedor et altri; ma perche penso più lungamente al suo luogo trattarlo, per hora non dirò altro.

 

Del fine della s

Nomi finiti in s, pochi, e per qual cagione.
Nomi in ar, et er, pochi, e per qual cagione

CastiglianiToscani
Dios, JesusDio, Giesù
el lunes, el marteslunedì, martedì
el miercoles, el juevesmercore(74), la giobbia(75)
el viernes, el mesil venere(76), il mese
la mies, el anìsil raccolto, l'anisi(77)

|43| Et cosi i simili, benche credo che si troveranno pochi altri; percioche tutti i nomi nel numero del più finiscono in quella, et perciò sarebbe gran confusione della lingua se molti nomi si trovassero finiti in s, per non sapersi quai fussero del numero del più e quai del meno; e per la istessa ragione si trovano ancora pochi finiti in ar et er, percioche sarebbe confondersi gli infiniti de i verbi, i quai finiscono in una di quelle.

 

Del fine della x

Nomi finiti in x, pochi

CastiglianiToscani
el carcax, el reloxil carcasso, l'orilogio(78)
el box, el amoradux(79)il buco(80); certa herba, che in Latino è samsiocus, overo amaracus

Di questi finiti in x si trovano pochi, e tutti fanno il numero del più in ges, dovendo fare in xes, per la regola che da poi diremo. |44|

 

Del fine della y

Nomi i y

CastiglianiToscani
el reyil re
la greyla gregge
el bueyil bue
la leyla legge(81)

Di questi si trovano pochi più, per esser fine strano.

 

Del fine della z

Nomi in z

CastiglianiToscani
la hazla faccia
el capazil capace
el axedrezlo scachiero
el almirezil mortaro(82)
la vegezla vecchiezza
el matizil smalto(83)
la perdizla pernice
el arrozil riso
la bozla voce
la hozla falce |45|
el orosuzla requelitia(84)
CastiglianiToscani
la pazla pace
el rapazil rapace
el juezlo giudice
el jaezl'adornamento del cavallo
la embriaguezl'embriachezza(85)
el cahizil moggio, o misura
la narizil naso
el albornozsorte di veste azurra, che stà salda all''acqua(86)
la cozil calzo(87)
el capuzil capuccio
la cruzla croce

El cahiz è una certa misura di Spagna che fa quattro sacchi di quattro stara(88) l'uno, di modo che una misura d'un cahiz è una misura di sedici stara di formento(89) o grano qual si voglia.

El capuz è una vesta che s'usa serrata da tutte due le bande e arriva infino a terra et è aperta solamente per il collo fin'a una spanna poco più, per la qual parte si veste, et poi |46| si serra co i bottoni.

El albornoz è una vesta da cavaliero alla moresca, che serve per feltro quando piove, et è d'una certa tela come mocaiaro(90) di colore morello(91), et è grande e lunga, con certi fili lunghi che descendono per ogni parte.

Et questi sono i fini di tutti i nomi sostantivi che finiscono in consonanti. Diremo hora del fine del numero del più in tutti questi, et daremo essempio di tutti, uno per sorte.

 

DEL FINE DI QUEI CHE FINISCONO IN CONSONANTE NEL NUMERO DEL PIÙ

Cap[itolo] X

 

Numero del più in quei che finiscono in consonanti, come si forma

Gia habbiamo detto che il fine del numero del più deriva da quel del numero del meno; e facessimo una divisione, dicendo che terminavano ò in vocale ò in consonante; di quei che in vocale finiscono, habbiamo detto che fanno il numero del più aggiungendogli un s solamente e lo provassimo per essempio; hora diremo che in quei che finiscono in consonanti si farà aggiugnendogli queste due lettere es all'ultima consonante del numero del meno, si come: |47|

 

[In d]

 Del menoDel piu
 el abadlos abades
 la paredlas paredes
 la vidlas vides
 el laudlos laudes

 

In l

 Del menodel piu
 el animallos animales
 el batellos bateles
 el badillos batiles(92)
 el caracollos caracoles
 el consullos consules

 

In n

 el panlos panes
 la ordenlas ordenes
 el ruynlos ruynes
 el mesonlos mesones.

 

In r

 sing.plu.sing.plu.
 el pesarlos pesaresel plazerlos plazeres
 el martirlos martiresel dolorlos dolores |48|

 

In s

 sing.plu.sing.plu.sing.plu.
 Diosdiosesmiesmiesesmesmeses

 

In x

Nomi in x, fanno il plurale in ges

 sin.plu.
 el carcaxlos carcages
 el reloxlos reloges

Havemo detto che questi nomi fanno il plurale in ges, dovendolo far in xes, per il mal suono.

 

In y

 

 sing.plu.
 el bueylos bueyes
 el reylos reyes

 

In z

 sing.plu.sing.plu.
 la pazlas pazesel juezlos juezes
 la perdizlas perdizesla bozlas bozes
 el capuzlos capuzesla cruzlas cruzes

|49| cosi tutti gli altri, i quali tutti vanno per questa via, come habbiamo detto; sapendo questi due fini del meno e del più e gli articoli che a tali nomi si danno, come già habbiamo, credo, a bastanza dichiarato, si saperà facilissimamente declinar ogni nome, hora finisca in vocale, hora in consonante; nientedimeno accioche meglio s'intendano, declinaremo uno per sorte, con le particelle sole e con gli articoli.

 

 

 

 

 

 

DECLINATIONE DEI NOMI SOSTANTIVI

Cap[itolo] XII

In che consiste la difficolta del variare i nomi.
Due maniere di declinare i nomi
Particelle che si danno a i nomi.
Quando si dice o e quando a nel vocativo

Percioche la difficolta del variare detti nomi consiste in distinguere le particelle e gli articoli, innanzi che trattiamo della variatione di questi nomi diremo delle particelle, poscia che degl'articoli habbiamo detto al mio parer a bastanza. Dico adunque che cosi come sono due sorti di nomi, propri e communi, cosi sono due modi di declinargli, quello con le particelle sole e questo con gli articoli, percioche, come habbiamo detto, a' nomi propri non si danno articoli, ma particelle(93), le quali sono queste: per il genitivo, de; il dativo, a; lo acusativo(94) |50| come il retto, over a, come il dativo; il vocativo, o over a, percioche quando si dice o, per la più parte o pregando o lamentandosi; a, però, s'applica a chiamar; lo ablativo, de, come il genitivo. Nel numero del più non accade darne percioche le particelle sole servono come ho detto a i nomi propri, e accompagnati con gli articoli a i comuni, de i quali diremo poi.

Declinatione de i nomi propri

Essempio de i nomi propri con le particelle sole

 CastiglianiToscani
nom.PedroPietro
gen.de Pedrodi Pietro
dat.a Pedroa Pietro
acu.PedroPietro
voca.o over a Pedroo Pietro
abla.de Pedroda Pietro
 CastiglianiToscani
 JuanGiovanni |51|
 de Juandi Giovanni
 a Juana Giovanni
 JuanGiovanni
 o Juano Giovanni
 de Juanda Giovanni

Et questa é la variatione di tutti i nomi proprij con le particelle sole, aggiungendosi ancora queste particelle e gli articoli el e la, los e las, per la declinatione di tutti gli altri nomi comuni, si come(95):

Declinatione de' nomi comuni

 sing.plu.
no.el padrelos padres
gen.del padrede los padres
da.al padrea los padres
acu.el padrelos padres
voca.o padreo padres(96)
abla.del padrede los padres
 
 el animallos animales
 del animalde los animales
 al animala los animales
 el animallos animales
 o animalo animales
 del animalde los animales
 sing.plu.
no.el panlos panes
gen.del pande los panes
dat.al pana los panes
acu.el panlos panes
voc.o pano panes |52|
abl.del pande los panes
 sing.plu.
 el pesarlos pesares
 del pesarde los pesares
 al pesara los pesares
 el pesarlos pesares
 o pesaro pesares
 del pesarde los pesares
 
 el relox(97)los reloges
 del reloxde los reloges
 al reloxa los reloges
 el reloxlos reloges
 del reloxde los reloges
 sing.plu.
 la culpalas culpas
 de la culpade las culpas
 a la culpaa las culpas
 la culpalas culpas
 o culpao culpas
 de la culpade las culpas |53|
 
 el Consullos Consules
 del Consulde los Consules
 al Consula los Consules
 el Consullos Consules
 o Consulo Consules
 del Consulde los Consules
 
 la razonlas razones
 de la razonde las razones
 a la razona las razones
 la razonlas razones
 o razono razones
 de la razonde las razones
 
 la mugerlas mugeres
 de la mugerde las mugeres
 a la mugera las mugeres
 la mugerlas mugeres
 o mugero mugeres
 de la mugerde las mugeres
 
 la ley(98)las leyes
 de la leyde las leyes
 a la leya las leyes
 la leylas leyes
 de la leyde las leyes

Et cosi si declineranno(99) tutti gli altri nomi sostantivi, ho voluto mettere il fine di tutti loro; accioche si veda chiaro che sapendo il fine del retto nell'un numero e nell'altro, si sà declinar |54| tutto il nome, talche la difficoltà ce solo nel variare de gli articoli, della qual variatione credo haver detto a bastanza; hora tratteremo del fine di tutti gli altri nomi in tutti due i numeri, et prima dell'aggettivo.

 

 

 

 

Del nome aggettivo et della sua variatione(100)

Capitolo XII

 

Havendo detto che il nome neutro appresso i castigliani sempre è nome aggettivo, che in un certo modo sostantivato(101) o come sostantivo si chiama. Resta hora da(102) dire del fine di questi nomi, il qual fine diremo essere in due vocali, cioe in e et in o; quei che finiscono in e non ammettono altro fine(103), ma quel solo serve a tutti tre(104) generi di maschio e femina et neutro, si come:

Nome neutro prociede dall'aggetivo.
In che finisce il nome aggettivo
Declinatione del nome aggettivo

CastiglianiToscani
grandegrande
dulcedolce
terribleterribile
lo grandela cosa grande |55|
valientevalente(105)
tristetriste(106)
amableamabile
lo dulcela cosa dolce

A gli aggettivi in e rare volte si da il neutro.
Avvertimento del nome grande

Che tanto si dice l'huomo grande, come la donna grande, come lo grande, neutro, che vuol dire cosa grande, avvertirete, però, che a questo fine del e rade volte si dà il neutro, ma gli altri due generi spesse volte si danno; avvertirete ancora che questo nome grande aggiungendosi a' nomi che cominciano da consonanti(107), allhora si perde quel de et fa gran, et serve parimente a tutti due i generi di maschio et femina, ma non al neutro, si come:

CastiglianiToscani
gran mugergran moglie
gran cosagran cosa
gran tiempogran tempo
gran cuerpogran corpo
gran plazertroppo piacere
gran sueñotroppo sonno

Ma si s'aggiugnerà a' nomi che cominciano da vocale, allhora non si tronca, ma si resta |56| nella sua forza, si come:

CastiglianiToscani
grande hombregrand'huomo
grande animogrand'animo
grande aguatroppo acqua

Grande per troppo

Ben è vero che quell'e ultimo sempre si perde quando s'aggiugne a vocale(108). Il nome grande per troppo si piglia molte volte nella lingua castigliana, si come haze grandagua(109), haze grandes lodos, cioè è troppo acqua, troppo fanghi; haze gransol(110), per troppo caldo; gran viento, gran frio, gran freddo. Del nome neutro in questi nomi non si tratta percioche, com'habbiamo detto, rade volte si da a questi nomi finiti in e.

Quei che finiscono in o ammettono il fine della femina in a e 'l neutro in o come il maschio, si come si dicessimo:

el buenola buenalo bueno
el malola malalo malo

Come si da lo articolo a nome aggettivo

Gli ho dati gli articoli accioche si distinguano dal genere percioche a' nomi aggettivi non si da articolo, se già il nome aggettivo |57| non si dicesse prima del sostantivo, che allhora si darà l'articolo all' aggettivo, si come: el buen hombre.

Questa però non s'intenderà de i nomi proprij, anzi se la parola comincierà da quello, allhora non se gli darà articolo, percioche appo i castigliani è troppo affettato e non s'usa, se non è da alcune donne, dove che in toscano è al contrario; si come si dicessemo(111):

A i pronomi non si da articoli cominciando da loro il parlamento; e non dal sonstantivo

CastiglianiToscani
Vuestra hermosura es tal, que haze que mi coraçon este siempre pronto a vuestra voluntad.La vostra bellezza è tale, che fa che 'l mio cuore sia sempre pronto alla vostra volontà.
Mi hijo os ama cordialmente.Il mio figliouolo vi ama di core.
A vuestra muger he visto el otro dia.La vostra moglie ho visto hieri.

Et questo s'intende cominciando da loro, o con le particelle o soli, percioche cominciando dal sostantivo, allhora si darebbe l'articolo al sostantivo, come la muger vuestra, la hazienda mia, et altri cosi fatti.

Nome neutro, come si distingua dal maschio

Il nome neutro, però, sempre ha il suo |58| articolo lo et si da nel numero del meno percioche in quel del più si fa del genere del maschio, et da quell'articolo lo si distingue il fine neutro di quel del maschio, altrimente tutto sarebbe uno, si come:

CastiglianiToscani
lo buenola cosa buona
lo honestola honesta
lo dulcela dolce
lo unol'una
lo agenola cosa d'altri
 
lo malola mala
lo inhonestola inhonesta
lo amargol'armata(112)
lo otrol'altra
lo contrariola contraria

Dove si vede che tutti si risolveno(113) per il nome cosa in toscano, et che tutti hanno il suo articolo. Trovansi però alcune volte senza articolo alcuno, ma sempre co'l verbo essere; altramente non, forse ad immitatione de i Latini, si come: |59|

Al neutro quando si dia lo articolo, e quando non li dia

CastiglianiToscani
Bueno es amar a Dios.Buona cosa è amare Iddio.
Malo es hurtar.Mala cosa è il rubare.
Provechoso es enseñar.Utile è l'insegnare.

Infinito in vece di nome

Et questo modo di parlare alle volte si fa mettendo lo articolo el innanzi lo infinito, si come:

Malo es el hurtar.Mala cosa è il rubare,
Provechoso es el caminar.et utile il caminare

Lo articolo neutro si da i possessivi

Fassi ancora spesse volte questo nome neutro ne i nomi posessivi comunemente(114), si come:

lo miola cosa mia
lo nuestrola nostra
lo suyola sua
lo tuyo(115)la tua
lo vuestrola vostra

Aggettivi in consonante

Alcuni altri nomi aggettivi si trovano che finiscono diversamente, de i quali per esser cosi pochi non ho voluto far regola, tra i quali |60| sono i nomi finiti in il, come util, debil, fragil, fertil, utile debile, fragile, fertile, et alcuni pochi in z come:

CastiglianiToscani.
capazcapace
rapazrapace

 

DI MUCHO ET POCO

Capitolo XIII

 

Neutro che si da a mucho e poco

Dassi ancora spessissime volte il genere neutro à questi due nomi mucho, che vol dir molto o troppo e poco, ma quando si trovano del genere del maschio o della femina, allhora nel numero del meno s'aggiungono a cose inanimate o che dinotino peso o misura, et non ad altri, et allhora significano quel che in toscano troppo o poco, come:

Mucho e poco nel numero del meno a cose in animate

CastiglianiToscani
mucho vinotroppo vino
mucha aguatroppa acqua
mucho dinero.troppi dinari |61|
mucho azeytetroppo olio
poco vinopoco vino
poca aguapoca acqua
poca harinapoca farina
lo mucho, lo pocoil troppo, il poco

É in quel del più a tutte, e per qual cagione

Ma non si direbbe mucho hombre, mucha muger ne poco hombre, poca muger; ho detto nel numero del meno percioche nel numero del più s'aggiungono indifferentemente a tutti i nomi, cosi animati come in animati, percioche come questi nomi denotino solo la quantità d'una cosa, et nel numero del meno principalmente nelle cose animate non ci sia la divisione, non puo essere la quantità, la qual cosa nel numero del piu si puo far, per la divisione di più di uno(116).

Bueno aggettivo quando è tronco, e quando non è

Questo nome bueno, nel fine del maschio solamente sempre si perde l'o e resta tronco, hora sia con nomi che cominciano da vocale, hora da consonanti, si come: buen hombre, buen animal.

CastiglianiToscani
buen hijobuon figlio |62|
buen reybuon re
buen labradorbuon lavoratore
buen ojobuon occhio
buen cavallobuon cavallo
buen perrobuon cane

Ma quando viene doppo il sostantivo non si tronca, come hombre bueno; ma nel genere della femina, che fa buena, e nel genere neutro ancora che fa come quel del maschio, nondimeno, per non appoggiarsi a sostantivo, niuno restano nella sua forza et non si troncano, come nella variatione si vederà.

 

VARIATIONE DE I NOMI AGGETTIVI

Cap[itolo] XIIII

 

Havendo detto di tutti i nomi aggettivi, resta hora declinargli, e primo de i nomi finiti in e, nel genere del maschio e della femina, senza sostantivo, si come:

 mas.fem.
no.el grandela grande
gen.del grandede la grande
dat.al grandea la grande
acu.el grandela grande
voc.o grandeo grande |63|
abl.del grandede la grande
 m. del piuf.
no.los grandeslas grandes
gen.de los grandesde las grandes
dat.a los grandesa las grandes
acu.los grandeslas grandes
voc.o grandeso grandes
ablde los grandes.de las grandes.
 m.f.
no.el dulcela dulce
gen.del dulcede la dulce
dat.al dulcea la dulce
voc.o dulceo dulce
abldel dulce.de la dulce.
del piu
 los dulceslas dulces
 de los dulcesde las dulces
 a los dulcesa las dulces
 los dulceslas dulces
 de los dulcesde las dulces

Nomi aggettivi quando si troncano

Et ancora che habbiamo messi gli articoli con questi nomi, nondimeno non se gli daranno nel parlare, se non è che vengano accompagnati con gli articoli et delli aggettivi siano primi; |64| si che in questa declinatione s'intende sempre il sostantivo doppo lo aggettivo, come el grande hombre, del grand'hombre, et la gran cosa, de la gran cosa; ma se sarà primo il sostantivo, lo articolo non si darà mai all'aggetivo se non al sostantivo, come el hombre grande, del hombre grande, al hombre grande, et cosi la cosa dulce, de la cosa dulce, a la cosa dulce; et questo dico di tutti gli aggettivi. Il nome neutro si distingue da quest'altri due(117), come habbiamo detto dell'articolo lo, si come(118) lo dulce, de lo dulce, a lo dulce, lo dulce, de lo dulce; et nel numero del piu non si declina, perche non l'hanno cotai nomi neutri.

 

DECLINATIONE DI QUEI CHE FINISCONO IN O

Capitolo XV

 

Quei che in o finiscono hanno come habbiamo detto due fini, uno in o per il maschio et il neutro, et l'altro in a per la femina, si come:

 mas.fem.n.
n.el malola malalo malo |65|
ge.del malode la malade lo malo
da.al maloa la malaa lo malo
ac.el malola malalo malo
vo.o maloo mala
abl.del malode la malade lo malo
Del piu
 los maloslas malas
 de los malosde las malas
 a los malosa las malas
 los maloslas malas
 o maloso malas
 de los malos.de las malas.

In quanto a dargli lo articolo s'intenderà in questi come ne gli altri finiti in e habbiamo detto; col sostantivo prima si declinerà di questo modo

Declinatione degli aggettivi interi

Castigliani
n.el hombre buenola muger buena
ge.del hombre buenode la muger buena
da.al hombre buenoa la muger buena
ac.el hombre bueno(119)la muger buena |66|
vo.o hombre buenoo muger buena
abl.del hombre bueno.de la muger buena
Del piu
no.los hombres buenoslas mugeres buenas
ge.de los hombres buenosde las mugeres buenas
da.a los hombres buenosa la muger buena
ac.a los hombres buenoslas mugeres buenas
vo.o hombres buenoso mugeres buenas
abl.de los hombres buenosde las mugeres buenas

Declinatione degli aggettivi che finiscono in consonante

Et cosi i nomi finiti in il, il qual fine serve tanto al maschio quanto alla femina, quanto al neutro; si come:

el utilla utillo util
del utilde la utilde lo util
al utila la utila lo util

Il nome rapaz quando è villania dirlo ad alcuno

|67| Et cosi gli altri i nomi finiti in z, come capaz; ancora il suo fine serve a tutti i tre generi, ma avvertirette(120) che questo nome rapaz si dice a un giovine, o a un huomo per notarlo di troppo giovine, et allhora in questa significatione è vilania, et il fine della femina allhora si fa in a, si come si(121) dicessimo all'huomo soys un rapaz, che vol dir sete troppo giovane, et a una donna soys una rapaza, che vol dire una istessa cosa, di modo che si declinerà:

el rapazla rapaza
del rapazde la rapaza
al rapaza la rapaza
el rapazla rapaza
o rapazo rapaza
del rapazde la rapaza

Et in questa significatione non ha genere neutro, ma quando significa quel che in Italiano rapace, o in Latino rapax cis, allhora sotto quel fine si contien tutti i generi, perche si dice

CastiglianiToscani
el lobo rapazil lupo rapace |68|
la muerte rapazla morte rapace
lo rapazla cosa rapace

Benche rade volte s'usa nel genere neutro, et tanto mi basti intorno a i nomi aggettivi.

 

 

 

 

 

 

DEL FINE DEI DENOMINATIVI E DELLA SUA VARIATIONE

Capitolo XVI

 

Fine de i nomi denominativi. Denominativi in oso(122) e in ero

Trovansi alcuni nomi, i quali dall'effetto denominativi chiameremo percioche derivano e descendono da nomi, i quali tutti finiscono in una di due maniere, cioè in oso et in ero(123); quei che finiscono in oso, sempre o per la piu parte, denotano abondanza di quella cosa, come ne i latini, si come:

CastiglianiToscani
valerosovaloroso
cavallerosocavalieroso(124)
fastidiosofastidioso
maravillosomeraviglioso
pelosopeloso |69|
embidiosoinvidioso
enojosonoioso
amorosoamoroso
perezosopien di pigritia
virtuosovirtuoso

Denominativi in oso significano abondanza

Et altri simili, dove si vede che tutti derivano da nomi, come d'embidia, embidioso; de valor, valoroso; de(125) cavallero, cavalleroso; de enojo, enojoso; de virtud, virtuoso, et che tutti significano abondanza di cosa, come valoroso, pien di valore; cavalleroso, pien di cavalleria; fastidioso, pien di fastidio; peloso, pien di peli; et cosi altri, immitando forse i latini.

La variatione di quest'è parimente come quella di tutti gli altri nomi aggettivi(126), cosi in quel del meno, come in quel in più, il quale per finirsi in vocale li farà, aggiugnendogli un s, solamente, et questi hanno due fini, come gli altri finiti in o, questo per il maschio e neutro, et in a per la femina; si come:

Variatione de' nomi in oso

 mas. del menofem.neutro
 el valerosola valerosalo valeroso |70|
 del valerosode la valerosade lo valeroso
 al valerosoa la valerosaa lo valeroso
 el valerosola valerosalo valeroso
 o valerosoo valerosa
 del valerosode la valerosade lo valeroso

Et nel numero del piu:

 mas.fem.
 los valerososlas valerosas
 de los valerososde las valerosas
 a los valerososa las valerosas
 los valerososlas valerosas
 o valerososo valerosas
 de los valerosos.de las valerosas.

et cosi:

 
 el amorosola amorosa
 el fastidiosola fastidiosa

Nomi in oso, perche s'usano piu nel vocativo

Et tutti gli altri; et questi nomi, come significano abondanza, cosi s'usano piu nel vocativo che in altro caso, quasi come meravigliandosi, et allhora si suole mettere un que, che in toscano è che; et cosi si proferisce come si dicessimo O que valeroso hombre; |71| O que cavalleroso; O que maravilloso, che questo si direbbe in lode sua, meravigliandosi(127) del suo valore; et in vituperio si direbbe O que perezoso; O que embidioso; O que fastidioso; che tutto si dirà nel suo biasimo, meravigliandosi parimente della sua dapocagine; la qual cosa vedo ancora usarsi nella lingua italiana, ma piu tosto in biasimo che altramente(128). Lo, voce neutra, o per dir meglio il genere neutro, in questi nomi non s'usa troppo nella nostra lingua, ma nientedimeno l'ho messo perche ci sono nomi aggettivi i quali naturalmente hanno il genere neutro, quantunque non si dia ad altri che a detti nomi.

 

 

 

 

 

 

DI QUEI CHE FINISCONO IN ERO

 

Nomi in ero significano ufficio

Quei che finiscono in ero tutti per la piu parte dinotano ufficio di quel nome, dal quale si derivano, si come:

CastiglianiToscani
aguadero, de(129) aguaacquaruolo
barvero, di barvabarbiero(130)
carnicero, de carnebeccaro(131)
çapatero, de çapatocaligaro(132) |72|
espadero, daespadaspadaro(133)
hechizero, de hechizofatticiero(134)
jubonero, de jubonquel che fa i giubboni
limosnero, de limosnaquel che fa la elemosina,
mesonero, de mesonl'hoste
panadero, de panfornaro(135), over panattiere
ropavegero, de ropa viejastrazzaruolo(136)
santero, de santoquel che attende alle lampade di alcuna chiesa
tavernero, de tavernaquel che vende del vin(137)
trapero, de trapomercatante di panni
violero, de vihuelalautaro(138)
xabonero, de xabonquel che fa o vende il sapone

Et cosi tutti gli altri, dove si vede che tutti significano ufficio di quel nome dove derivano, come aguadero, quel che porta l'acqua; barvero, quel che acconcia la barba; ropavegero, quel che vende la roba vecchia; santero, quel che sta nella chiesa, ch'attende a mettere la lume et le lampade a i santi e che |73| governa la chiesa, et questo s'usa nelle chiese che son fuora della città, perche nell'altre, quei che stanno si chiamano sagrestani, che appresso di noi dicono sacristanes, in plurale, el sacristan, in singulare. Ho voluto dichiarar questi vocaboli, per esser difficili da essere intesi.

Nomi in ero perche cagione non habbiano genere neutro

La variatione di questi nomi è come quella de i passati; eccetto che questi in niun modo hanno il genere neutro, percioche significando (come habbiamo detto) ufficio sempre s'attribuisce à persona(139) et non a cosa, et percio non puo haver genere neutro, poscia che detto genere sempre s'attribuisce a cosa et non a persona; la sua variatione è il maschio in o e la femina in quei che patisce l'ufficio, in a, percioche pochi di questi ufficij appartengono alla femina, i quai(140) sono.

mas.fem.
el hechizerola hechizera
el panaderola panadera
el mesonerola mesonera
el santerola santera
el tavernerola tavernera

|74| I quali tutti fanno il numero del più, aggiungendoli un s, come de gli altri habbiamo detto, si come declinandogli si vederà:

 
no.el panaderola panaderail fornaro
g.del panaderode la panaderadel fornaro
da.al panaderoa la panaderaal fornaro
acu.el panaderola panaderail fornaro
voc.o, overa, panaderoo, overa, panaderao fornaro
abl.del panaderode la panaderadal fornaro

Et in quel del più:

 mas.fem.
 los panaderoslas panaderas
 de los panaderosde las panaderas
 a los panaderosa las panaderas, etc.(141)

Et cosi gli altri; percioche çapatero, aguadero, carnicero et altri simili, che sono ufficij propri de gli huomini, non haveranno il genere della femina, poi che loro non hanno quegli ufficij.

Trovansi ancora alcuni altri nomi che significano ufficio, et son di questa istessa natura, |75| i quali finiscono in ido e derivano altri da nomi, et altri da verbo(142); quei che descendono da nomi, son nomi aggettivi, et quelli altri son participij, de i quali per hora non diremo; quei che derivano da nomi, sono cosi fatti:

CastiglianiToscani
doloridopien di dolore
descoloridosenza colore
ateridopien di freddo
desabridosenza sapore

I quali vengono di(143) dolore, colore, e sapore(144); et gli altri che descendono da' verbi (com'habbiamo detto) son participij, si come:

CastiglianiToscani
perdidoperso
venidovenuto
vencidovinto
cozidocotto

Che tutti derivano da verbi di seconda et terza maniera, et non di prima, de i quali |76| per hora non tratteremo percioche si trattarà di questi e de i nomi verbali insieme quando si tratte(145) de i participij, poi che è(146) questi e quegli descendono et derivano da verbi, et sarà necessario prima intendere i verbi et la natura loro e poi quegli che da loro descendono et derivano, et tanto bastandomi intorno a i denominativi, passeremo hora a dichiarar i diminutivi et altri che restano.

 

 

 

 

 

 

DEL FINE DE I DIMINUTIVI NEL NUMERO DEL MENO

Capitolo XVII

 

Diminutivi hanno dui fini: ico et illo

I nomi che significano diminutione di alcuna cosa hanno due fini, l'uno in illo (m.) e in illa (f.)(147) et l'altra(148) in ico; quella in illo è quella che in toscano finisce in ello, et mutasi quell'e in i tanto per quegli del genere del maschio, quanto per quegli della femina, si come:

Variatione de i nomi finiti in illo

CastiglianiToscani
asnilloasinello
cestillocestello
loquillopazzarello |77|
montezillomonticello

Variatione de' nomi in la

CastiglianiToscani
artezillaarticella
partezillaparticella
damilladamicella
bovillapazzarella
Castigliani
 del meno(149)del piu
no.el golosillolos golosillos
ge.del golosillode los golosillos
da.al golosilloa los golosillos
c.el golosillolos golosillos
vo.o golosilloo golosillos
ab.del golosillo.de los golosillos

Nomi finiti in ico

Et cosi si declinano tutti gli altri.

Diminutivi in ito

Di quelli che finiscono in ico, in toscano non mi ricordo havergli veduti, ma in castigliano ne sono molti, percioche quasi tutti i nomi propri di huomini et di donne si ponno diminuire in questo modo de fine, cioè |78| Juanico(150), Anica, Perico(151), Ynesica, che sono nomi propri di Giovanni, Ana(152), Agnese. Et altri simili, et alcuni di questi finiscono in ito, si come Diaguito(153), bonito, chiquito et bonita, chiquita, perrita, et altri simili, che son nomi diminutivi da Giacobo, buono, piccolo e cagnuolo.

Differenza fra i finiti in ico\(154) e quei in illo

Ma la differenza che è tra questi finiti in ico et ito e tra quelli in illo, è che questi in ico et ito sempre si dicono per modo di carezze, e quelli altri in illo si dicono per via di diminuire quella cosa, senza altra consideratione ne d'amore, ne di carezze, come in quei altri come si vede chiaramente(155) per gli essempi che habbiamo dato.

 

 

 

 

DEL FINE DEI NOMI NUMERALI

Cap[itolo] XVIII

 

I nomi numerali hanno diversi fini, e tutti d'un numero, percioche, se non è uno che ammette il numero del piu, tutti gli altri, per essere sempre nel numero medesimo, non |79| ammettono altro.

Ma di questo nome uno havete a sapere che ha la propria natura che bueno, che se s'aggiunge(156) a nomi sostantivi ò aggettivi del genere del maschio, allhora si perde l'o, et fa un, si come:

CastiglianiToscani
un hombreun huomo
un vellacoun vigliaco
 
un perroun cane
un traydorun traditore

Ma non si dirà nel genere della femina, che fa una, ne si dirà ancora un se si interpone alcuna parola (come habbiamo detto del nome bueno), ne quando è del genere neutro, si come:

CastiglianiToscani
El uno es hombre de bien, destos dos el uno es vellaco.L'uno è huomo da bene, di questi due l'uno è tristo.
Lo uno y lo otro no puede estar.l'una et l'altra cosa non puo stare.

Avertimento del nome uno

|80| Questo nome uno, ancor che ragionevolmente secondo la sua propietà non doveva haver numero del più, nientedimeno l'ha, e si dice unos del maschio e unas della femina, e val come in toscano alquanti(157), si come:

CastiglianiToscani
Vinieron unos hombres y tomaron por la mano unas mugeres;y los unos y los otros se fueron a pasear.Vennero alquanti huomini, et pigliarono per la mano alquante donne, et tutti insieme se n'andarono a spasso.

Et avvertirete ben questo percioche si trova ne i libri spesse volte, et maggiormente in queste divisioni: unos y otros per il maschio e unas y otras per la femina; alcune volte però, in vece di quel unos et unas, si dice dellos per il maschio e dellas per la femina, e si corrisponde col proprio termine, si come:

CastiglianiToscani
Los que estavan en casa dellos se fueron y dellos se quedaron|81| En aquel combite dellas se emborracharon, y dellas quedaron en seso.Quei che erano in casa, alcuni di loro se ne andarono, et alcuni restarono. In quel banchetto alcune di loro s'imbriacarono(158), alcune restarono in cervello.

I(159) altri nomi numerali metteremo quivi per ordine per essere tanto necessarij, e saranno questi.

CastiglianiToscani
uno, dos, tres, quatro, cinco, seys, siete, ocho, nueve, diez, onze, doze, treze, catorze, quinze, deziseys, dezisiete(160), deziocho, dezinueve, veynte, veynte uno, veynte y dos, etc.(161)uno, due, tre, quattro cinque, sei, sette, otto, nove, diece(162), undici, dodici, tredici, quatordici(163), quindici, sedici, decisette(164), deciotto(165), decinove, vinti(166), vent'uno, ventidue, etc.
treynta, quarenta, cincuenta, sesenta, setenta, ochenta, noventa, ciento e cien(167), ciento y uno, etc. |82|Trenta, quaranta, cinquanta, sessanta settanta, ottanta, novanta, cento, cento et uno, etc.
dozientos, trezientos quatrocientos, quinientos; seycientos setecientos, ochocientos, novecientos, mil, dos mil, tres milducento, trecento, quattrocento, cinquecento, seicento, settecento, ottocento, novecento, mille, dumille, tremille,
Et cosi tutti gl'altri fina novencientos mil, et poi,un millon, dos milloneset cosi tutti gl'altri, fina novecento mila, e poi un million, due millioni, etc.

Avertimento del nome dozientos et trezientos

Questi nomi, dozientos, trezientos, etc. ammettono il genere della femina, et si fa dozientas trezientas, etc. quando s'aggiugne a nomi del genere della femina et quando venne(168) similmente con questo nome mil e maravedis(169), si come:

dozientas mugeresducento donne
trezientas donzellastrecento dongele(170)
dozientas mil maravedisducentomila quattrini
trezientas mil(171) maravedistrecentomila quattrini

Et cosi in tutti gli altri, che saranno quattrocientos(172), as, quinientos, as, seycientos,(173)as, |83|settecientos, as, ochocientos, as, novecientos, as.

Ce ne ancora questo nome, cien e ciento, il quale quando s'aggiunge a qual si voglia nome sempre fa cien, come cien hombres, cien ducados, cien mugeres, etc., ma quando s'aggiunge a questo nome uno o un, per dir meglio, o quando venne(174) solo, allhora(175) si proferisce ciento, et non cien(176), si come:

CastiglianiToscani
un ciento de ducadosun centinaro di ducati
un ciento de maravedisun centinaro di quattrini
un ciento de hombresun centinaro di huomini
Quantos ducados eran? CientoQuanti ducati erano? cento.

Dove si vede che quando venne con quello un se gli da il genitivo o secondo caso, et quando venne solo, quasi sempre rispondendo ad alcuna interrogatione et dimanda, come s'ha veduto. |84|

 

 

 

 

 

 

DEL FINE DI TUTTI I NOMI NEL NUMERO DEL PIU

Capitolo XIX

 

Fine de i nomi el numero del piu; e come si fa

Havendo detto del fine di tutti i nomi nel numero del meno, per quel ch'io sento a bastanza, hor quivi diremo del fine di tutti questi nomi nel numero del piu(177), et per questo si farà una regola generale, e sarà questa:

Il nome hora sia sostantivo over aggettivo o denominativo o verbale o ver participio, o finisce in vocale over in consonante nel numero del meno; si finisce in vocale, cioè a, e, i, o, u, aggiungendoli un s si fa del numero del più; si finisce in consonante, allhora(178) s'aggiunge questa sillaba es all'ultima consonante; et questa regola è vera un tutti i nomi, come per essempio si vederà(179) si come nelle vocali a, e, i, o u :

el poetalos poetas
hipocritaas
señoraas
hombrees
sastrees
callees
llavees
maravediis |85|
valerosoos
molineroos
buenoos
maloos
dulcees
triste(180)es
espirituus
cestilloos
loquilloos
bonicoos
perricoos
chiquitoos

Et ancora, che gli metto(181) quella vocale, non se gli aggiunge però altro che l's solo, come(182) havemo già detto.

Et cosi tutti gli altri che s'hanno messo innanzi per essempio di quelli che finiscono in consonanate, a i quali s'aggiunge la sillaba es, e finiscono (come havemo detto) in queste consonanti d, l, n, r, s, x, y, z, si come:

 

Castigliani

 

d abad, es; merced, es; vid, es; laud, es

l animal, es; batel, es; badil, es; sol, es; azul, es

n pan, es; orden, es; mastin, es; meson, es;|86| blason, es

r pesar, es, albañir, es; plazer, es; dolor, es

s mies,(183)es; mes, es; dios, es

x carcax, es; relox es; amoradux, es

y rey, es; ley, es; buey, es

 

Si che, com'havemo detto, saputo che sian questi due numeri, come fanno nel retto si fanno tutti gli altri casi, percioche tutti sono a un modo, et tanto mi basti intorno a i nomi.